CONOSCERE  E  CONDIVIDERE  LE  SOLUZIONI   GIUSTE  PER  SALVARE  I  RONDONI 
​Ben   
19  DOCUMENTI SCARICABILI:  conoscere  le esigenze dei rondoni sugli edifici antichi e moderni per applicare  BUONE PRATICHE validate e referenziate, evitando le MALE PRATICHE CHE POSSONO ucciderli, danneggiarli o allontanarli .  AGGIORNAMENTO  novembre  2018 
si tratta di documenti selezionatissimi , di varia natura (articoli, manuali, atti, linee guida ...), relativi ad aspetti TECNICI affrontati, risolti e 
spiegati
Clikka il titolo in blu su giallo (non sulla nota né sulla figura) per scaricarne il PDF.   Per eventuali errori nel download  e per ogni esigenza di informazioni scrivimi a rondonecomune@gmail.com


2018- In un volume dedicato agli aspetti antropologici e interdisciplinari del rapporto dell'uomo con gli uccelli come cibo, un capitolo esamina la storia dei nidi artificiali per rondoni, storni e passeri dal Medioevo ai nostri giorni confrontandone
​sinteticamente le antiche tipologie, finalità e gestioni in No​rd Europa, in Italia e in .... ​Anatolia.  
Appunti da un <viaggio> durato oltre trent'anni...ora  condensati in un inedito su un argomento risolto spesso con ​forti approssimazioni che non rendono giustizia ad una antica sapienza  utile anche per il futuro dei rondoni negli edifici. Quale rapporto fra rondonare e passerere?  Sono di più antica origine le prime? Dove vederne una sicuramente funzionante nel 1470? Quali rapporti fra le italiche rondonare medievali e i coevi Sprevpot fiamminghi?  e con i   Kuş Köşkleri  ottomani? Cosa leggere per saperne di più? 
2011 (2014) - Al XVI CIO, Cervia, settembre 2011, una relazione programmata sulla <esclusione selettiva> dei soli colombi dalle buche pontaie dei monumenti ... qui l'articolo negli Atti, editi nel 2014. La contro informazione anti colombofobica comincia con questa pubblicazione e da allora la <esclusione selettiva> è una key word  in IT (e anche in ENGL, vedi  più sotto "Ferri et al. 2011" in Inglese)
2011 (2014) - Al XVI CIO, Cervia, settembre 2011, una relazione programmata su rondonare e passerere, una antica tecnica di realizzazione di colonie razionali di nidi artificiali lungo circa 6 secoli di loro storia documentata ... qui l'articolo nergli Atti, editi nel 2014
2011 (2014) - L'assemblea dei convegnisti del XVI CIO, Cervia, settembre 2011, ha approvato una mozione per la tutela delle ultime rondonare e passerere storiche, agglomerati di nidi artificiali sviluppati nell'arco di sei secoli ...
2012 - Estratto da PICUS n.74/2012, Una monografia sui rondoni, con due articoli divulgativi che riguardano: uno le tre specie di rondoni che nidificano in Italia e l'altro i nidi artificiali per rondoni adatti per lo studio e l'osservazione ...
2011 - Nel 2011, a settembre, quasi in contemporanea col CIO 2011, il nostro team era a Berlino, all' 8th EVPMC (European Vertebrate Pest Management Conference), dove abbiamo presentato il nostro lavoro sulla esclusione selettiva dei colombi a favore dei rondoni e dei chirotteri, come aspetto dell'IPM (Integrated Pest Management) responsabile anche nei confronti della biodiversità urbana.  (per gli interessati all' aspetto fertility control: su questo aspetto abbiamo presentato anche un altro lavoro sul Daino Dama dama, vedi pagg. 116-1117).  La contro informazione anti colombofobica comincia con questa pubblicazione e da allora la <esclusione selettiva> è una key word in ENGL (e anche in IT, vedi più sopra "Gelati et et al. 2011" in Italianb
welcome for some infos in English, scroll the page please
At present in Italy we have no data about the demography trend in the three swifts species we have in our Country (common, pallid and alpine) but we fear very bad times just started quite 20 years ago with a campaign against urban pigeons adoptings just terrific hints to prevent they nest and roost in buildings, as the hint is (from a well sponsored field manual for the management of urban pigeon and starlings: <<...any holes must be closed to prevent birds nest and roost..>). This caused a large diffusion of sealing the scaffold holes and niches in most of the monuments (castles, towers, churches, palaces,, belltowers...) of course also (who knows?) burying alive all the littles beings occupying the deep of holes (wild birds, pigeons, bats, lizards, gegkos, moths...) and of course not  a word was written about some protocols to prevent this general burying, as the works are of course in progress mainly in <good season>. Not to mention the perpetual lack of nesting sites fro the restored buildings.    To repair some damage and to prevent further we, we are group of friends, decided for a robust spreading about topics attracting swifts in buildings and monument here in Italy and about hiints and guidelines to save them from bad practises during restorations and repairs. In facts In Italy we have a situations of ties of swifts with builidngs so specific that it's quite impossible to consider suitable suggestions and solutions used in the non-Mediterranean Countries where these elements are different or do not exist at all: to be precise we are talking mainly about  the role of the roofs with "coppo" tiles, of the ancient holes for scaffolding, windwos frames gables &  rolling shutters and ancient swifts towers:
​- coppo tiled roofs: Maybe more than  90% of the colonies of commons and pallids do use this facilities,
Of ​corse traditionally under the coppo tiles are niches often very long but not so larg, anyway suitable for swifts, and used also by other little birds, lizards, geckos, bats, moths, butterlies. Nowaday roofs restorations aim both goals to achieve insulation AND exclude <birds> from holes, sealing the beginning of the <under coppo>. Obviously people talking about <birds> means above all the pigeons, very feared for the guano and parasites, for dropping on sidewalks and balconies and owner, engeneers  and contractors acts sealing completely the holes (as reccomanded of course by the field manual whom discussed above). So the large surfaces of roofs with coppo tiles used as as nest sites in Italian downtowns and villages are eroded year after year, day after day by an accurate sealing of all nichies and holes, without homeowners and contractors know exactly the damage they cause, as they do not check to avoid the burying of many small creatures hidden in the deep dark and  and excluding any possibility of nesting for the future to many littles insectivorous species.
- scaffold holes, plugholes: an  ancient common way to build monuments with wooden scaffolds inserted in the walls, let most of them ​ scattered with regular patterns of lines of these holes, commonly considered as an artistic caracteristic of medieval and rinascimental churches, castles, towers, noble palaces, belltowers;  because the pigeons learned to nest inside these scaffold holes, also <ornthologists> started to hint municipalities and authorities <to seal every hole in order to exclude birds> and that's happened everywhere, causing imitations. Maybe less than 1% of swifts population use scaffold holes but locally, whenever it happens, the swifts colonies are very ancient, often several centuries old,  and well crowded, as for the 600 pallids and 100 commons in the Castello of Turin. See in the Menu for <Monumenti vivi> and <Foto & video>. So the losses are dramatic eventough they happen in silence, out of the public sight. This scelerate < war against  the pigeons> causes also  dramatic mortality, covered by the nets of the modern scaffolds. People and contractors may discover the easy solutions  we suggest, deciding for <selective esclusion> of the pigeons and reducing the holes to mesures fitting only the needs of swifts, bats, geckos. 
​- window frames, gable & rolling shutters: not widespread in all the Country, locally these topics can be common and crucial, and unfortunatley they are also the hardest situations to be presented as acceptable to owners and these cases do need tailored solutions to be studied case by case
ancient swifts towers: since medieval times till mid XX Cent. people built artificial nests for swifts (and sparrows) to gain some meat. The spontaneous collapse of these practises  in the last decades condamned  the hystorical artificial nests to be abandoned, transformed or ruined.  Actually  the many ways people built these facilities are impressive, fitting wery well the needs of the birds and also facilitating the growth of the colonies, as witnessed by the ruines we have often totalling hundreds of nests  (1000 in one case).   Much less than 0,1 %  of swifts  do nest in towers or houses or belltowers fitted with historical artificial nest, at least in 9 italian regions and in some part of Swiss,  but where this do still occur people may look to a superb way of protecting  biodiversity  in our buildings (see the Castellaro swiftstower and the Rondonara del Borgo Vecchio, as exemples or read my papers of 2014 (2011) and 2018 about this true Italian hystorical topic) and the section about swifts tower in my presentation of 2015. All these docs are monographic about this historical and anthropological topic and are ​listed in this page, numbered as 1and 7
Of course here in Italy we have also swifts nesting locally in rolling shutters, traditional gables and ventilated walls but all these case do not cover maybe not more than some points per cent. At moment very very few do nest in modern artificial boxes, as this use is very recent and mainly not common at all. I 'll up date as soon as possible with some of these particular nesting sites.
- Earthquake, reconstruction and biodiversity: added in June 2018 a recent manual for owners and contractors of buildings damaged by the double earthquake of Modena (2012), to help restoring also roots and biodiversity
​ 
In early 2016 our group of friends decided to start in a new way a campaign to preserve the LIVING MONUMENTS, called since 2013 in this way hystorical and modern buildings with colonies of important little species, as it is for the three species of swifts, other colonial passerines, maybe 20 species of bats, geckos, lizards, moths. For this purpose we opened www.monumentivivi.it to spread documents and guidelines highlighting the neeeds tio presereve the three architectural topics, of course with  practical and easy solutions (experienced). More, we offer also hints to municipalities to adopt guidelines in favour of swifts and swallows.
2018. Nel 2012 la bassa modenese e le contigue aree di BO, FE, MV e RE, sono state pesantemente colpite da un doppio evento sismico, con vittime e danni. Abitazioni, fabbriche, allevamenti, chiese, campanili, torri.... pesantemente colpite, spesso distrutte. In pochi anni ci si è concentrati sulla ricostruzione delle strutture produttive industriali, artigianali e agricole, poi sulle abitazioni. Ora rimangono da ricostruire o restaurare tante costruzioni importanti per le <radici> della bassa e passata l'emeregenza si spera di dedicare attenzione agli aspetti della biodiversità di torri, chiese, campanili, fienili... per i quali questo manuale fornisce spunti tratti dalla esperienza di professionisti avvezzi a <risolvere problemi>.  E c'è pure un capitolo sui rondoni .& C. ...
2015 - Il bel caso-studio delle torri della Porta della Pusterla, di S.Ambrogio a Milano, sollecitato da PROGETTO NATURA Onlus di Milano in preparazione del FESTIVAL 2015
2016 - Dal volume che tratta del Progetto del restauro della torre civica Ghirlandina di Modena (patrimonio UNESCO), il capitolo che ha per argomento la modifica selettiva di 120 buche pontaie (e non solo) in favore dei rondoni, con metodi, realizzazione e risultati ottentuti. Del metodo  trattano (vedi qui) gli articoli Ferri et al 2011(2014) e Gelati et al 2011(2014). 
2016 - Capitolo estratto dagli Atti del Corso per progettisti realizzato lo scorso aprile 2015 dal Parco del Ticino lombardo, Vedi precedente
1/20
2/20
3/20
4/20
5/20
6/20
7/20
8/20
9/20
10/20
11/20
12/20
1 -CARPI (MO) Raccomandazioni per proteggere e ripristinare la nidificazione di rondini e rondoni nel centro storico di Carpi 

2- poster sui nidi provvisori per il frontone della Chiesa di S.Ignazio di L-, progettati, realizzati, montati e funzionanti ​​
2016-2018 - Le associazioni presentano a Comune e Curia lo stato  della nidificazione di rondini e rondoni nel centro cittadino, suggerendo le  linee guida da applicare caso per caso per conservarle, potenziarle e attenuare l'impatto di alcuni effetti negativi. Il Comune ha recepito il documento, che tra l'altro costituisce un catalogo aggiornato delle nidificazioni delle due specie in centro, con spunti anche per la Taccola .Nel 2018 montati i nidi provvsori per le implacature del cantiere della chiesa di S. .Ignazio di L., perfettamente funzionanti    
2016 - In occasione del Festival del 2016, le Associazioni e la Fabbriceria di San Petronio hanno adottato una linea guida per i restauri che interessano ed interesseranno la Basilica. In particolare sono presi in considerazione le fessure e gli spazi del calcamuri e delle buche pontaie in cui applicare il principio della esclusone selettiva dei soli colombi in favore dei rondoni, nonché  i nidi artificiali applicabili ad alcuni finestroni del sottotetto e i nidi sostituitivi per i ponteggi.    
13/20
2015- Una presentazione con Indicazioni per progettisti su come difendere i siti di nidificazione dei rondoni nei SOTTOCOPPI, nelle BUCHE PONTAIE con le esclusioni selettive per i colombi, nelle TORRI RONDONARE antiche e moderne, coi NIDI ARTIFICIALI, etc ....
Vedi più sotto il capitolo che ne è stato tratto, per gli Atti del Corso​, edito nel 2016
15/20
2018. Le associazioni e il Comune condividono l''organizzazione di un evento per il Festival dei rondoni del 2018, la prima domenica di luglio. Una quarantina di partecipanti sono stati seguiti dai volontari di LIPU MO e AsOER e hanno potuto seguire le evoluzioni di tante bande di rondoni <sfioratori> ed anche individuare i giovani di falco pellegrino e i codirossi.     .  
16/20
Ferri M., 2018. Le “rondonare”: come attrarre i rondoni negli edifici, dal Medioevo ai nostri giorni. Atti Soc. Nat. Mat. Modena 149 (2018): 181-223

Per scaricare tutta la rivista e/o tutti gli atti della ultracentenaria  Società dei Naturalisti e Matematici di Modena clicca QUI (NB: il link sarà attivato entro novembre pv)

2018 - Sulla storia dei nidi artificiali è stato scritto molto ma questo nuovo approccio vuole restituire evidenza ad aspetti storici molto più antichi di quelli ricitati da vari Autori, con una dettagliata disamina multidisciplinare attenta a fonti artistiche e storiche ed anche ad aspetti antropologici oltre che architettonici,  con focus non solo sui Rondoni ma anche sullo Storno e sui Passeri. La recente  monografia per BIRD AS FOOD (qui sotto) è servita da traccia per un testo ancor più approfondito e ancor più ricco di  immagini, per un approccio alla plurisecolare <storia> delle rondonare (e passerère) nazionali e dei nidi artificiali dal Medio Evo ai nostri giorni in Italia, in Europa ... e in Anatolia
aggiornamento:  6 Novembre 2018
N
​O
​V
​I
​T
​A'
N
​O
​V
​I
​T
​A'
17/20
N
​O
​V
​I
​T
​A'
2017. Nel 2010 nel campanile  della Basilica Minore di San Giovanni Battista (Melegnano, MI) in occasione di un intervento le buche pontaie sono state modificate per escludere selettivamente i soli colombi e favorire invece la nidificazione dei rondoni comuni, collaudando la soluzione adottata per la torre civica Ghirlandina. Vedi più sopra i Documenti 5, 6 e 9 
19/20
2018. Una eccellente monografia sulle buone pratiche per la colnservazione dei rondoni comuni negli edifici della Wallonie e di Bruxelles. In Francese ...sotto con Google Traduttore Riassunto. Les fssures et cavités des bâtiments constituent des sites de reproduction pour toute une série d’espèces d’oiseaux, dont les Martinets, ainsi que pour quelques espèces de chauves-souris.
Or, ces habitats restent souvent méconnus, et ils sont menacés par les modes de construction et de
rénovation actuels. Depuis 2010, le groupe de travail « Martinets » milite pour les faire connaître,
les protéger, voire étoffer les colonies. ......
N
​O
​V
​I
​T
​A'
N
​O
​V
​I
​T
​A'
18/20
N
​O
​V
​I
​T
​A'
2018, Giugno. Brillante intervento di <Monumenti vivi> che ha monitorato la presenza di rondoni, tacole e colombi nelle 250 buche pontaie della tirre campanaria del Duomo di Torino, suggerendo prototipi per esclusione selettiva dei co altre sepcielombi e favorire le altre sepcie.
20/20
Nel 2014 e nel 2015 i Comuni di Rio nell'Elba (LI) e di Campo nell'Elba (LI) hanno adottato correzioni al Regolamento Edilizio per stabilire precise misure di salvaguardia dei Rondoni, delle Rondini e dei Balestrucci  nidificanti negli edifici.  Questo FAC SIMILE è da ritennersi più completo dal punto di vista dispositivo, dato che nella realtà nazionale occorre tener conto del possibile interesse locale per tutte e tre le specie di rondoni e per tre specie di rondine
N
​O
​V
​I
​T
​A'
14/20